al DATè di ieri sera, 10 gennaio, nella cornice del Festival Internazionale Soave sia il Vento di Federica Castaldo e Marco Rossi, in strettissima e sentita collaborazione con MiNa Vagante di Alessandra e Piera Cusani, il menù, Basse Temperature, è stato interpretato e recitato dalla nostra voce narrante Marialuisa Firpo. In cucina Tato Calì e Germana Thermes con Valentina Ciardulli come giovanissima chef ,  hanno elaborato con raffinatezza e dedizione prodotti della terra delle aziende Le Tore – S.Agata sui due golfi di Vittoria Brancaccio e  Masseria della Contessa – S.Martino Valle Caudina dei giovanissimi Davide e Giulia. I latticini del caseificio Costanzo di Aversa che da quest’anno ha deciso di seguire il viaggio di DATè, la pasta, come sempre, del Pastificio dei Campi. I vini, l’ Aglianico Irpinia Il Principio doc 2009  e la Grappa Lapiana, offerti da Daniela Mastroberardino, sono stati magistralmente raccontati e serviti dalla magnifica e con noi affettuosa Michela Guadagno e addirittura recitati … si, l’attore Peppe Villa, giocando con gli ospiti, delle caratteristiche organolettiche, ne ha fatto una piccola ed efficace performance narrativa. Sulla tavola PluriVersi e AltriVersi di Roberto Monte, all’ingresso, per la ‘decantazione’, Troni di Daniele Della Porta e un brano tratto da L’infinito viaggiare di Claudio Magris. I nostri trenta illustri ospiti sembra abbiano gradito. Grazie a tutti, è stato bello!